0008 – DUILIO (e ANDREA DORIA – Rimodernate – 1940/’41) l.f.t. 186,90 m – 1:100

Ricostruite presso i Cantieri del Tirreno di Genova nel periodo dal 1937 al 1940, Duilio e  Andrea Doria costituirono una coppia di corazzate nettamente superiori alle Cesare e Cavour, specie nell’armamento secondario antisilurante ed antiaereo, simile a quello delle corazzate Classe Vittorio Veneto.

Duilio e Doria, poste in disarmo per la demolizione nel 1956, furono le ultime corazzate in servizio nella Marina Italiana.

Una documentazione del novembre 1940, aggiornata con le varianti del1941, indieci tavole con: piano di costruzione, vista di fianco, vista dall’alto, sezione longitudinale, castello, ponte di coperta, 1° e 2° corridoio, 1° e 2° copertino, n. 11 sezioni trasversali e sistemazione degli armamenti.

Vennero armate con cannoni da 320/44 (arma n. 2035), da 135/45 (n. 2250), da 90/50 (n. 2490), con mitragliere Breda da 37/54 (armi n. 2657 e n. 2660) e da 20/65 (arma n. 2685).

Le corazzate Duilio e Cesare rimodernate adottarono le seguenti imbarcazioni: lance da m. 13 (n. 403), diesel barche da m. 12,25 (n. 404), lancia da regate da m. 10,45 (n. 150), motoscafi da m. 10 (n. 406 e n. 455) e lance insommergibili da m. 8,60 (n. 308).

Ai codici 0851 (DUILIO) e 0804 (ANDREA DORIA) sono disponibili le documentazioni riguardanti gli apparati motore delle due unità.

0008a