0095 * PROTEO l.f.t. 75,94 m – 1:50


Nave di salvataggio varata dai Cantieri Navali Riuniti di Ancona nel dicembre 1943, venne poi rimorchiata dai tedeschi a Trieste ancora incompleta ed ivi autoaffondata nel settembre 1944. Recuperata dalla Marina inglese, fu restituita all’Italia e riportata sullo scalo di Ancona, nuovamente varata il 2.6.1951 e consegnata alla M.M. nel 1955.

In nove tavole datate 3.5.1941: piano di costruzione, vista di fianco, sezione longitudinale, vista dall’alto, piano dei ponti superiori, corridoio, copertino inferiore, doppio fondo, n. 6 sezioni trasversali, sezione maestra ed elica.

Il progetto prevedeva un cannone da 100/47 O.T.O. tipo torpediniere, ma furono poi installate tre mitragliere da 20 mm stabilizzate (probabilmente l’arma n. 2680).